Durata e distribuzione dell’attività fisica quotidiana e diabete di tipo 2

102

Recentemente sono stati pubblicati sul Journal of the European Association for the Study of Diabetes due studi che indicano l’importanza della durata e della distribuzione dell’attività fisica quotidiana (AT) per ridurre il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 (DT2).

È noto che l’AT riduce il rischio di sviluppare DT2, ma l’impatto dei diversi rapporti di forma e quantità di AT non è chiaramente definito.

tu prima ricerca gli scienziati dell’Università di Cambridge hanno esaminato se si potessero ottenere significativi benefici per la salute conducendo un’attività fisica più intensa rispetto alle raccomandazioni attuali. Le raccomandazioni menzionate suggeriscono almeno 150 minuti di AT da moderata ad alta intensità o 75 minuti di AT ad alta intensità.

tu sono un’altra ricerca scienziati in Nuova Zelanda hanno studiato la relazione tra la durata di una passeggiata e un pasto per determinare l’efficacia dell’attività fisica dopo un pasto. Gli adulti con DT2 hanno camminato per un totale di 30 minuti al giorno – 30 minuti alla volta o tre volte per 10 minuti – non più di 5 minuti dopo un pasto. A parte l’introduzione del camminare, gli individui non hanno cambiato le loro abitudini alimentari o di vita durante i 14 giorni dello studio.

Fonte: Diabetologia