Il pino. Come puoi beneficiare di tutte le qualità terapeutiche di questo “albero miracoloso”

111

Il pino cresce con l’abete e l’abete rosso ed è anche chiamato chiffon, lustro e zetin. Dal pino si utilizzano gemme che contengono olio volatile, resine, per cui hanno un effetto balsamico nelle infiammazioni delle vie aeree accompagnate da tosse e bronchite.

Nel tempo, numerosi studi hanno dimostrato che i boccioli di pino hanno molte proprietà terapeutiche. Ecco come beneficiare di tutte le qualità terapeutiche di questo “albero miracoloso”:

Tè alle gemme di pino

La tisana di gemme di pino ha anche un’azione diuretica, essendo consigliata in caso di pelle, cistiti e uretriti.

Il tè si prepara da un cucchiaino di germogli che vengono scottati con 250 g di acqua. Dopo 15 minuti, filtrare il liquido e addolcire con miele d’api o zucchero. Bevi due o tre tisane calde al giorno.

Sciroppo di gemme di pino

Lo sciroppo di pino è anche considerato una vera medicina naturale, consigliato in molti tipi di disturbi, come ad esempio:

– infiammazioni e infezioni delle vie respiratorie, malattie polmonari croniche, tosse, bronchite acuta, asma, congestione polmonare, polmonite, influenza, raffreddore, raucedine, faringite, tracheite, tonsillite, sinusite;

– infezioni renali, cistite, pelle, uretrite, nefrite, calcoli renali, insufficienza renale, leucorrea, gonorrea;

– reumatismi cronici, poliartrite, osteoporosi, artrosi dell’anca, gonartrosi, gotta;

-nervosismo, nevrosi astenica, stress, insonnia, nevralgia, nevrosi cardiaca;

– disturbi circolatori e metabolici;

– dermatosi, ferite, eczema, psoriasi, scabbia.

Ecco come preparare lo sciroppo per la tosse dai boccioli di pino:

Schiaccia 100 g di gemme, sopra le quali versa 100 ml di alcol a 60 gradi. Lasciare in ammollo in una ciotola coperta per 12 ore, mescolando di tanto in tanto. Quindi versare mezzo litro di acqua bollente e dopo 6 ore filtrare attraverso un panno spesso. Aggiungere 600 g di zucchero, sciogliere a bagnomaria caldo, filtrare con un panno, riempire fino a 1 chilogrammo e conservare in bottiglie di piccola capacità. I bambini prenderanno 3 cucchiaini al giorno e gli adulti 3 cucchiai.

Ecco una ricetta degli antenati per rafforzare l’immunità con il miele di pino:

Si lavano 1 kg di pigne, si tagliano ciascuna in quattro e si fanno bollire in 3 litri d’acqua, a fuoco lento, fino a renderle morbide. Filtrare il liquido e mescolare con 1 kg di zucchero. Rimettilo sul fuoco e portalo a bollore, ma in nessun caso farlo bollire. Versare nei vasetti, aggiungendo 2-3 cucchiai di succo di limone ogni 700 ml. I restanti coni vengono macinati, mescolati con un po’ di sciroppo e usati al posto della marmellata.

Cetina de pin

In inverno, la cetina di pino viene utilizzata per curare malattie respiratorie croniche (bronchite, bronchite asmatica e polmonite ricorrente). La cetina di pino viene utilizzata principalmente sotto forma di bagni, 2-3 bagni con cetina di pino a settimana. Tritare finemente i pinoli, quindi prendere 5 mani di erbe tritate e metterle a bagno in 2 litri d’acqua per 8 ore. Alla fine scolatela, e mettete la pianta rimasta in altri 2 litri di acqua bollente e lasciatela coperta fino a quando non si sarà raffreddata, poi scolatela. Alla fine unire le due preparazioni e aggiungere all’acqua della vasca. Questi bagni sono utili anche in caso di cistite acuta, dolori articolari, insonnia ed eccessiva sensibilità al raffreddore.

Resina di pino

Ha qualità anti-infettive molto forti. Internamente, è usato contro la cistite, ed esternamente, la tintura di resina di pino viene utilizzata per guarire ferite ed eczemi infettivi perché ha un ruolo curativo.

La tintura si prepara con 5 cucchiai di resina di pino uniti a mezzo bicchiere di alcol a 90 gradi. Mettilo in una ciotola con un coperchio e lascialo in ammollo per 5 giorni, scuotendolo più volte al giorno, quindi filtralo. Un cucchiaino di questo rimedio viene somministrato 4 volte al giorno, oltre ai bagni con i pinoli.

Se ti è piaciuto questo articolo, unisciti alla community di lettori Like sulla nostra pagina Facebook.

Fonte: piante medicinali nella tutela della salute, azienda agricola. corneliu Constantinescu, 1975

Se ti piacciono i nostri articoli e vuoi unirti a noi su Facebook, ci aspettiamo che ti unisca alla community con un Mi piace: