La vitamina K2 può ridurre la calcificazione dei vasi sanguigni

219

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista BMC Nephrology ha dimostrato che l’assunzione di vitamina K2 per quattro settimane può migliorare il quadro clinico della calcificazione vascolare.

La calcificazione vascolare aumenta il tasso di mortalità ed è comune nelle persone con malattia renale cronica trattate con emodialisi. I pazienti menzionati sono carenti di vitamina K2 e una carenza ancora maggiore può verificarsi assumendo farmaci che prevengono l’ictus e la fibrillazione atriale.

Gli scienziati affermano che l’entità della riduzione della calcificazione vascolare nello studio variava da persona a persona. Ad esempio, codice nei pazienti con diabete è stata osservata una riduzione minore della calcificazione. Richiedono ulteriori ricerche per mostrare quale effetto ha la vitamina K2 sui vasi sanguigni dopo una terapia a lungo termine.