Un bicchiere di vino rosso ricco di antiossidanti riduce il rischio di cancro alla prostata negli uomini fino al 10%

131

Bere un bicchiere di vino rosso al giorno riduce il rischio di cancro alla prostata negli uomini di circa il 12%, suggerisce una nuova ricerca. Tuttavia, un consumo moderato di vino bianco, come lo Chardonnay, aumenta il rischio di malattia del 26%, secondo uno studio.

Il vino rosso contiene 10 volte più polifenoli, un antiossidante, rispetto al vino bianco, il che potrebbe spiegare i risultati, secondo i ricercatori.

Un bicchiere di vino rosso ricco di antiossidanti riduce il rischio di cancro alla prostata – alcuni ricercatori ritengono che il vino rosso possa essere usato per prevenire il cancro

L’autore principale, il professor Shahrokh Shariat dell’Università di Vienna, ha dichiarato: “È già stato dimostrato che i polifenoli, che si trovano principalmente nel vino rosso, possono avere un effetto protettivo su altre malattie e altri tumori”. Vedi anche L’articolo La ricerca mostra che il vino rosso può proteggerti dall’influenza

Il cancro alla prostata colpisce più di 47.000 uomini nel solo Regno Unito ogni anno. Gli antiossidanti nel vino rosso possono prevenire il cancro alla prostata. Il professor Shariat crede che gli antiossidanti nel vino rosso possano un giorno essere usati per prevenire il cancro alla prostata.

L’Autorità europea per gli alimenti ha affermato in precedenza che l’olio d’oliva ricco di polifenoli previene la coagulazione del sangue e riduce il rischio di sviluppare il diabete migliorando la sensibilità all’insulina.

I ricercatori hanno esaminato 18 studi che hanno studiato l’effetto del bere vino di qualsiasi colore sul rischio maschile di cancro alla prostata.

Nel complesso, la revisione dello studio ha incluso circa 611.000 pazienti. Un bicchiere di vino al giorno è stato definito consumo moderato. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Clinical Epidemiology.

Parlando dei risultati, il dottor Iain Frame, direttore della ricerca presso Prostate Cancer UK ha dichiarato: “Non è consigliabile trarre conclusioni concrete sul legame tra consumo di vino e rischio di cancro alla prostata sulla base di questo studio e non consiglierei a tutti di cambiare il proprio abitudini di consumo basate su questi risultati insufficienti”.

Un bicchiere di vino rosso ricco di antiossidanti riduce il rischio di cancro alla prostata: sono assolutamente necessari una dieta equilibrata e un consumo moderato di alcol

“Invece, è importante che tutti gli uomini mantengano uno stile di vita sano, una dieta equilibrata e un consumo limitato di alcol e acquisiscano familiarità con i tre noti fattori di rischio per il cancro alla prostata – di età superiore ai 50 anni”, con una storia familiare della malattia, etnia . “

Solo due bicchieri di vino riducono la qualità del sonno di quasi il 40%. Precedenti studi suggeriscono che l’alcol induce le persone a trascorrere meno tempo nel sonno profondo e riposante e più tempo nella fase di movimento rapido degli occhi, cioè quando si verificano i sogni.

I risultati implicano anche che i giovani soffrono degli effetti dell’alcol più degli anziani. Pertanto, le prove mostrano che, nonostante siano più giovani e più attive, le persone sono ancora sensibili agli effetti negativi dell’alcol, anche quando si tratta di recupero attraverso il riposo.

Guarda anche:

8 rimedi naturali per le malattie della prostata

Camminare – un’attività molto benefica

Cose meno note sulle bevande alcoliche più amate: birra e vino

Fonte: www.dailymail.co.uk

* Questo articolo è solo a scopo informativo. Per una corretta diagnosi si consiglia di consultare il parere di uno specialista.

Se ti è piaciuto questo articolo, unisciti, con un Mi Piace, alla community di lettori sulla nostra pagina Facebook.

Se ti piacciono i nostri articoli e vuoi unirti a noi su Facebook, ci aspettiamo che ti unisca alla community con un Mi piace: